Lo spuntino ideale? Una manciata di mandorle

Aiutano a dimagrire e proteggono il cuore

I livelli di energia degli italiani sono in calo, con conseguenze che influenzano ogni aspetto della nostra vita, dal lavoro al tempo libero.

È quanto emerge dalla ricerca Vita ed Energia: i bioritmi degli italiani, presentata da Almond Board of California. I dati indicano che meno di 2 italiani su 10 (16%) si sentono normalmente al top dei livelli di energia fisica e circa 6 su 10 (58%) ritengono di svegliarsi al mattino sentendo una carenza di energia.

“Gli italiani sono diventati più occupati e frettolosi, anche nel consumo di pasti, e questo potrebbe portare a maggiore fatica, a causa di scelte nutrizionali non bilanciate; i risultati della ricerca mostrano che potremmo non avere la giusta quantità di energia per tenere questo nuovo ritmo con il giusto brio”, ha dichiarato la dietista Marta Molin dell’ANDID (Associazione Nazionale Dietisti). “E anche se ci sono modi semplici per ‘ricaricare le nostre batterie’, molti non lo fanno in modo corretto, con ripercussioni sulla vita quotidiana”.
“C’è un disallineamento tra il nostro l’atteggiamento nei confronti del cibo – che amiamo tanto – e la nostra conoscenza di ciò che ci mantiene sani. Mentre molti di noi scelgono snack dolci per mantenere alti i livelli energetici, solo pochi si orientano su spuntini salutari, che possono davvero aiutarci a rimanere carichi per tutto il giorno”, afferma la dietologa ANDID Marta Molin. “La formula di ‘ricarica’ che suggeriamo include uno spuntino smart – come le mandorle – da consumare durante una pausa a metà mattina o metà pomeriggio. Può essere inoltre utile portare con sé una manciata di mandorle (28g o 23 mandorle circa) da consumare quando si percepisce un calo di energia. Le loro proteine e grassi buoni, oltre alle fibre, possono rivelarsi di aiuto per rimanere in pista durante tutto il corso della giornata”.
Naturalmente buone, le mandorle sono inoltre una sono una fonte ricca di magnesio, che contribuisce alla riduzione di stanchezza e affaticamento. Sono anche ricche di riboflavina (B2) e fonte di niacina (B3), tiamina (B1) e folato (B9), che svolgono un ruolo nella produzione di energia nel corpo. Le mandorle sono molto facili da mangiare e contengono proteine, ferro, magnesio e manganese, così da farne l’ideale prima e dopo una sessione sportiva.

Nel video:

  • Marta Molin
    ANDID – Associazione Nazionale Dietisti
(Visited 8 times, 1 visits today)