Covid-19, serve cautela nella riapertura delle scuole

Le scuole devono essere riaperte con molta cautela, dopo le prove emerse in Israele e qui in Italia, dove molti bambini sono stati infettati. I pediatri in Israele, dove la popolazione adulta è già stata vaccinata quasi del tutto, hanno segnalato un picco delle infezioni, con oltre 50.000 bambini e adolescenti risultati positivi solo nel mese di gennaio, più di quanto Israele abbia visto in qualsiasi mese durante le precedenti ondate.

Yuli Edelstein, ministro della salute, ha dichiarato al Jerusalem Post: “Abbiamo ricevuto una lettera dall’Associazione israeliana di pediatria in cui si dice che sono molto preoccupati per il tasso di malattia aumento negli studenti più giovani”. Alcuni esperti in Israele hanno affermato che l’aumento dei casi infantili è dovuto all’emergere della variante britannica più contagiosa, che si è diffusa più facilmente tra i gruppi di età più giovane. Dalla comparsa della variante britannica in Israele a metà dicembre, la percentuale di nuovi casi giornalieri rappresentati da bambini di età inferiore ai 10 anni era aumentata di quasi un quarto (23%).

Nessuna prova mostra ancora che la nuova variante sia più pericolosa per i bambini, ma a gennaio Israele ha aperto la sua prima unità speciale di terapia intensiva covid-19 per bambini, ammettendone cinque.

Avvertimenti simili stanno emergendo qui in Italia dopo un picco di casi nel paese di Corzano, nella provincia settentrionale di Brescia. Il 3 febbraio il 10% della sua popolazione totale di 1400 persone (140) è risultato positivo al virus, il 60% dei quali erano bambini in età scolare o infantile. Si ritiene che molti di questi bambini abbiano infettato altri membri della famiglia.

Commentando i risultati, Roberto Burioni, professore di virologia all’Ospedale San Raffaele di Milano, ha twittato: “La variante inglese è molto più contagiosa e richiede precauzioni molto maggiori”.

“Non si è fatto abbastanza quando si sarebbe dovuto fare, tra la primavera e l’estate dello scorso anno. La strada più saggia sarebbe quella di stare attenti ora alle scuole, perché si stanno dimostrando uno snodo pericoloso del contagio“ ha dichiarato Walter Ricciardi, docente di Igiene all’Università Cattolica di Roma.

Venerdì 5 febbraio il gruppo consultivo scientifico indipendente del Regno Unito per le emergenze ha chiesto di dare la priorità a un’offerta scolastica più sicura e ha redatto un documento di consultazione sull’argomento. Stephen Reicher dell’Università di St Andrews, Scozia, Regno Unito, ha dichiarato: “Per ora, dobbiamo limitare tutte le attività non essenziali per ridurre le infezioni il più rapidamente possibile e riaprire le scuole non appena il livello sarà sufficientemente basso da consentirci di mantenere la pandemia sotto controllo “.

Fonte

(Visited 45 times, 1 visits today)